INSERT INTO sites(host) VALUES('blogsquonk.it') 1045: Access denied for user 'www-data'@'localhost' (using password: NO) blogsquonk.it Estimated Worth $462,761 - MYIP.NET Website Information
Welcome to MyIP.net!
 Set MYIP as homepage      

  
           

Web Page Information

Title:
Meta Description:
Meta Keywords:
sponsored links:
Links:
Images:
Age:
sponsored links:

Traffic and Estimation

Traffic:
Estimation:

Website Ranks

Alexa Rank:
Google Page Rank:
Sogou Rank:
Baidu Cache:

Search Engine Indexed

Search EngineIndexedLinks
 Google:
 Bing:
 Yahoo!:
 Baidu:
 Sogou:
 Youdao:
 Soso:

Server Data

Web Server:
IP address:    
Location:

Registry information

Registrant:
Email:
ICANN Registrar:
Created:
Updated:
Expires:
Status:
Name Server:
Whois Server:

Alexa Rank and trends

Traffic: Today One Week Avg. Three Mon. Avg.
Rank:
PV:
Unique IP:

More ranks in the world

Users from these countries/regions

Where people go on this site

Alexa Charts

Alexa Reach and Rank

Whois data

Who is blogsquonk.it at it.whois-servers.net



*********************************************************************

* Please note that the following result could be a subgroup of *

* the data contained in the database. *

* *

* Additional information can be visualized at: *

*
http://www.nic.it/cgi-bin/Whois/whois.cgi *

*********************************************************************



Domain:
blogsquonk.it

Status: ok

Created: 2004-01-23 00:00:00

Last Update: 2013-02-08 00:59:43

Expire Date: 2014-01-23



Registrant

Name:
Sergio Pilu

Organization: Sergio Pilu

ContactID: SP2889



Admin Contact

Name:
Sergio Pilu

Organization: Sergio Pilu

ContactID: SP2889



Technical Contacts

Name:
Sergio Pilu

Organization: Sergio Pilu

ContactID: SP2889



Registrar

Organization:
Aruba s.p.a.

Name: ARUBA-REG

Web:
http://www.aruba.it



Nameservers

dns.technorail.com

dns2.technorail.com

dns3.arubadns.net

dns4.arubadns.cz

Front Page Thumbnail

sponsored links:

Front Page Loading Time

Keyword Hits (Biger,better)

Other TLDs of blogsquonk

TLDs Created Expires Registered
.com
.net
.org
.cn
.com.cn
.asia
.mobi

Similar Websites

More...

Search Engine Spider Emulation

Title: Squonk
Description:
Keywords:
Body:
Squonk
lt;
City Lights. Kerouac Street, San Francisco. Siediti e leggi un libro
HomeDichiarazione d'intenti
La vita non egrave; quella che si egrave; vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.(Gabriel Garcia Marquez)
Talk to me: e-mail
Fortza Paris
American Beauty
Gilgamesh
Malina
YAUB
One World
(no) need to argue #8211; Il blog ipotetico
Akille
Attentialcane
Blog Notes
Brodo Primordiale
Buba
Burp!
Camillo
Cinque birilli
Claudio Sabelli Fioretti
Cloridrato di Sviluppina
Copiascolla
Dot Coma
Eiochemipensavo
Emme Bi
Falso Idillio
Far finta di essere sani
Forza Idillio
Freddy Nietzsche
Gaspar Torriero
Giovani Tromboni
Giuda Maccablog
Giusec amp;Frienz
Herzog
Hotel Messico
La nonna volante
La pupa c #8217;ha sonno
LaFlauta
LaPaolina
Lellina
Leonardo
Lipperatura
Lotto 49
Macchianera
Maestrini per caso
Manteblog
Massimo Morelli
MicroBlogGiallo
Miic
minimae*
Network Games
Ninna
Paferrobyday
Paolo Valdemarin
Personalità Confusa
Pezzi d #8217;ufficio (La Tengi)
Proesie
Quadernino
Quarky
Quasirete
Radollovich
Reporters
Semelodiceviprima
Severine
Sphera
Spiritum
Spiritum (quello vecchio, ma anche no)
Strelnik
The Blog Lies Down On Broadway
The Petunias #8217; weblog
Verba manent
Wittgenstein
ZetaVu
[mini]marketing
Download
Greetings from (pdf)
My Own Private Milano (pdf)
On The Blog (pdf)
Cinque birilli (pdf)
Post sotto l'Albero
---------------------------
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2009 (ePub)
2009 (mobi)
2010
2010 (iPad)
2010 (ePub)
2010 (mobi)
2010 (mobi indexed)
Un po' di Copyright
Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.
Archives:
July 2013
June 2013
May 2013
April 2013
March 2013
February 2013
January 2013
December 2012
November 2012
October 2012
September 2012
August 2012
July 2012
June 2012
May 2012
April 2012
March 2012
February 2012
January 2012
December 2011
November 2011
October 2011
September 2011
August 2011
July 2011
June 2011
May 2011
April 2011
March 2011
February 2011
January 2011
December 2010
November 2010
October 2010
September 2010
August 2010
July 2010
June 2010
May 2010
April 2010
March 2010
February 2010
January 2010
December 2009
November 2009
October 2009
September 2009
August 2009
July 2009
June 2009
May 2009
April 2009
March 2009
February 2009
January 2009
December 2008
November 2008
October 2008
September 2008
August 2008
July 2008
June 2008
May 2008
April 2008
March 2008
February 2008
January 2008
December 2007
November 2007
October 2007
September 2007
August 2007
July 2007
June 2007
May 2007
April 2007
March 2007
February 2007
January 2007
December 2006
November 2006
October 2006
September 2006
August 2006
July 2006
June 2006
May 2006
April 2006
March 2006
February 2006
January 2006
December 2005
November 2005
October 2005
September 2005
August 2005
July 2005
June 2005
May 2005
April 2005
March 2005
February 2005
January 2005
December 2004
November 2004
October 2004
September 2004
August 2004
July 2004
June 2004
May 2004
April 2004
March 2004
February 2004
January 2004
December 2003
November 2003
October 2003
September 2003
August 2003
July 2003
June 2003
May 2003
April 2003
March 2003
February 2003
February 203
Ultimi Post
Comfortably numb
Altra vista
Good night
Cartoline
Telefonami tra vent #8217;anni
Il prossimo viaggio
On being Shane Battier
Just a day off
Ciao, disturbo?
Il corso degli eventi
In your eyes
Un #8217;ombra ben presto sarò
Stories of the Bund #8211; Le massaggiatrici di Shanghai
You make me wanna shout
Greetings from Trieste #8211; Incanti
God save the Queen
Come una palla magica
Previsioni del tempo
Nel parcheggio
As seen on tv
Pensavo fosse amore
La scrivania
Domani
Alla romana
Ventuno biglie reloaded
Bene, mi racconti di lei
L #8217;importanza del trattino
Muri rossi
V.M.
I compiti
Devo portare i ragazzi a scuola
Ripescaggi
I quattrocento ostacoli (avevo torto)
La libertà è partecipazione
Daccapo
Valigie
Stories of the Bund #8211; Xie xie
Stories of the Bund #8211; Que sera
Stories of the Bund #8211; All #8217;ombra dei ciliegi in fiore
Stories of the Bund #8211; Raccolta differenziata
July 2013
M
T
W
T
F
S
S
laquo; Jun
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Search:
Powered by
Meta:
RSS 2.0
Comments RSS 2.0
Valid XHTML
WP
concept by
luca-vs-webdesign
(contact)
5/7/2013
Forse il tempo
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 11:49 pm
Il ragazzo guida con la lenta calma obbligata dai limiti di velocità. Ha poco più di vent #8217;anni, una macchina a noleggio, una stazione FM e un #8217;autostrada lunghissima davanti. Tiene il volume basso, per sentire il suono delle gomme sull #8217;asfalto, e gli occhi aperti per ricordare da vecchio il panorama che gli sfila intorno. E #8217; tutto più grande di quanto avrebbe mai immaginato, più grande di quanto possa spiegare, più grande del vero. Si muovono camion a diciotto ruote, e Harley, e case mobili. Dopo qualche ora, avvicinandosi al confine di stato, vede all #8217;orizzonte un grande cartello verde, e una figura piccola, che sta in piedi in mezzo ai due grandi sostegni metallici che reggono il rettangolo con le grandi lettere bianche. Il ragazzo alza il piede dall #8217;acceleratore, rallenta quasi solo col freno motore, si sposta sulla destra, accosta, si ferma, a una cinquantina di metri dal cartello. La linea di cambio di fuso orario. Un passo prima, un #8217;ora indietro. Un passo dopo, un #8217;ora avanti. Guarda la figura, che è sempre lì, ma ora sembra meno piccola. E #8217; una ragazza, avrà forse la sua stessa età, i capelli neri e lisci che le cadono sulle spalle. Le si avvicina, lentamente. Quando le arriva al fianco si ferma, senza parlare. Guarda il cartello, e poi guarda lei. La ragazza ha uno sguardo strano, fissa il cartello con un occhio semichiuso, come se stesse studiando l #8217;inquadratura di una fotografia anche se non ha macchine con sé. Ciao, dice lui. Lei non risponde. Lui riporta gli occhi sul cartello. Ogni tanto vengono investiti dall #8217;aria spostata dai camion. Il ragazzo sente che vorrebbe farle cento domande, ma gliene viene una sola, cosa guardi, le chiede. E lei, serena, come se venisse dal futuro che sta giusto un passo oltre il grande rettangolo verde, risponde, con un tono e un accento che lui non dimenticherà più: non lo so, forse il tempo.
Comments (0)
4/7/2013
Comfortably numb
Filed under:
Alka-seltzer #8212; Sir Squonk @ 4:54 pm
Non ricordo bene quando ho iniziato. So che a un certo punto ho iniziato a togliere, a levare: prima sono stati i talk show politici, tutti. Via Floris e Formigli e Santoro e tutti gli altri. Poi quasi tutta l #8217;informazione, perché alle nove di sera di notizie rilevanti che non conosci ci sono solo le breaking news. Poi, ad esempio, Fazio, perché al terzo giro non esiste un ospite che sia uno che valga la pena ascoltare per l #8217;ennesima volta (faccio un #8217;eccezione per D #8217;Alema, che è il mio personale equivalente televisivo di Dark Side of the Moon). Poi un po #8217; di serie: persa una puntata, e quella successiva, adesso recupero e me le guardo tutte di fila e invece no, così chissà se J.J. è tornata dalla maternità, se Sara Sidle ha piantato Grissom per tornare a Las Vegas, figurati che non so nemmeno com #8217;è finito davvero Friends. Poi Report, tanto lo schema è sempre lo stesso no? è un po #8217; come leggere Tuttosport se sei tifoso della Juve. E così via, togliendo, levando è rimasto lo sport, e pure lì: calcio quasi nulla, i risultati e gli highlights, due partite intere in un anno; guardo basket, e tennis, e football americano, e baseball, e snooker; vanno bene anche le freccette (sapevate che ci sono degli olandesi fortissimi? Io non l #8217;avrei mai detto). Meglio se con squadre o atleti che non tifo, che mi stanno indifferenti (anche se poi non c #8217;è verso, dammi Troicki #8211; Del Potro e dopo cinque minuti mi metterò a sperare che i colpi di uno escano e i colpi dell #8217;altro entrino. Il primo sarà Troicki, senza un motivo al mondo). Meglio se non in diretta: in diretta non guardo quasi più nulla, se Ronnie O #8217;Sullivan sta infilando un 147 io giro quando ha imbucato la settima biglia rossa perché figurati se riesce a imbucare anche questa a tutto tavolo, e quel break di 8-0 dei Pacers non è forse solo l #8217;inizio di una sconfitta rovinosa degli Heat e allora perché devo star qui a soffrire. Ho scoperto il bello della differita, guardo i risultati, se hanno vinto allora me la guardo tranquillo (per modo di dire: i Pats hanno preso due TD nel terzo quarto, ci mancherebbe che mi mettessi a guardare, aspetto di vedere il finale e il pugno alzato di Tom Brady), se hanno perso chi me lo fa fare di rodermi il fegato, ma puoi fare otto inning in bianco contro i Mariners, dai. E #8217; una specie di pace dei sensi televisiva, mi sembra di vivere meglio #8211; se solo ci avessi pensato prima.
Comments (2)
2/7/2013
Altra vista
Filed under:
Alka-seltzer
On The Web
Sign 0' The Times #8212; Sir Squonk @ 1:16 pm
Arriva un momento nella vita che si diradano i fidanzamenti, i matrimoni, le nascite, i battesimi, e al loro posto arrivano i funerali. L #8217;8 luglio chiude Altavista.
Paferrobyday
Comments (0)
29/6/2013
Good night
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 3:07 pm
Sulla destra, rispetto all #8217;entrata, le famiglie sudamericane preparano la giornata di festa #8211; i tavoli, le sedie pieghevoli, un paio di ombrelloni per i più anziani, i palloni e la carne grigliata. Sulla sinistra, più in lontananza, i campi di pallavolo ricavati all #8217;interno del parco, e la stradina che lo costeggia sulla quale passano famiglie, e pensionati, e ciclisti pigri a dieci all #8217;ora. Di fronte, dall #8217;altra parte della strada, il mais coltivato. D #8217;inverno, se c #8217;è nebbia le tombe bianche sembrano dei denti che sbucano dal terreno; quando c #8217;è il sole, non importa la stagione, è una macchia di un verde diverso da tutti quelli che lo circondano. Ci vengo due o tre volte all #8217;anno al Milan War Cemetery. E #8217; un piccolo quadrato su un lato del Parco di Trenno, curato come tutti i cimiteri di guerra del Commonwealth, con l #8217;erba bassa e soffice, le pietre pulite, i fiori freschi. Ci sono quattrocentodiciassette tombe, più di trecento di militari inglesi, e poi canadesi, sudafricani con le scritte in afrikaans, neozelandesi, un cipriota, due italiani, due cechi. Un paio di dozzine di militi ignoti, definiti #8220;A soldier of the 1939-1945 war #8221;, a volte con una data di morte, per tutti la scritta #8220;Known unto God #8221;. Hanno qualcosa di particolare, i cimiteri di guerra. Non sono le età dei morti, anche se non puoi evitare di fermarti a immaginare la faccia di un ragazzo di diciannove anni che cade bruciato dentro un bombardiere abbattuto dalla contraerea. Sono altre cose, almeno per me. Le date, ad esempio. La gente muore tutti i giorni, si sa. Ma questi uomini sono morti quasi tutti in alcuni giorni. Chissà cosa sono stati il 12 e il 13 ottobre del 1944, ad esempio, ché tutti gli aviatori portano quelle date sulle lapidi, chissà cos #8217;era il cielo sopra Milano. E le scritte. Non sono come tutte le altre, le scritte sulle tombe di questi posti. Ci sono, come in tutti i cimiteri, frasi che vengono dal Vangelo, e i riposa in pace (che a dirsela per bene, e a riascoltarla, è già di per sé una frase di una tenerezza quasi dolorosa: riposa, e fallo in pace. Cosa potresti augurare di meglio a qualcuno che ami?). Ma ce ne sono altre che se ti sbarazzi per un attimo dalla corazza di ironia e cinismo con la quale ci difendiamo dalla vita per quasi tutte le nostre ore da svegli non riesci a non sentirti strappare qualcosa dentro. #8220;Hai sofferto tanto, hai avuto poche gioie, non hai meritato quel che ti è toccato sopportare #8221;. #8220;Ringraziamo il nostro Dio per ogni ricordo di te #8221;. #8220;Non ero qui per vederti morire, per sussurarti una parola o per darti un bacio di addio #8221; (andate, e leggetela in inglese, c #8217;è una rima, c #8217;è una musica dentro #8221;. Ce n #8217;è una che mi spezza ogni volta che vengo qui, dice #8220;Camminiamo al tuo fianco John, nel magnifico giardino dei ricordi. Buona notte #8221; e chissà chi l #8217;ha voluto quel #8220;good night #8221;, se una madre pensando alla ninna nanna che cantava a suo figlio per farlo addormentare, o una moglie che allunga la mano nel letto, lo trova vuoto e tutto ciò che può fare è accarezzare l #8217;altro cuscino come se lì ci fosse la testa di un uomo che non tornerà più, e che ha solo bisogno di riposare, e di farlo in pace. Quando esco di solito mi riguardo intorno, prima di salire in macchina, e vedo gente, gente viva, gente che prepara da mangiare, che gioca, che parla al telefono, e mi sembra che sia la cosa giusta perché ci vuole qualcuno che a quei ragazzi faccia compagnia.
Comments (0)
Cartoline
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 8:30 am
Sei pronta?
No.
Capisco.
Ma se sei in ballo devi ballare.
Sì.
Ho le ultime cose da preparare, ma dimenticherò sicuramente qualcosa.
Non sarà niente di importante.
Ci sentiamo, no?
Certo. Skype ce l #8217;abbiamo tutti.
Sì. Quando torno vorrei trovare la cassetta della posta piena di cartoline.
Ti scriveremo, ci scriveremo.
Non scrive più nessuno. Ma mi farebbe piacere.
Te lo prometto. E lo dirò agli altri.
Ci conto.
Contaci. Adesso vado.
Sì, anch #8217;io ho delle cose da finire. Grazie.
E di cosa.
Lo sai.
Va bene, lo so. Vieni, fatti abbracciare.
Eccomi qui.
Stai bene, okay?
Anche tu.
Ciao, buon viaggio.
Ciao, ci sentiamo presto.
Comments (0)
27/6/2013
Telefonami tra vent #8217;anni
Filed under:
Alka-seltzer #8212; Sir Squonk @ 4:38 pm
Questa mattina dovevo fare una telefonata, una cosa di lavoro. Digito le prime tre, quattro lettere, eccolo lì il cognome da chiamare, e poco sopra lo stesso cognome, giusto una vocale in più (adesso che ci penso: stessa città, forse stesse origini, vai a sapere), un attimo di smarrimento per realizzare che no, ma quell #8217;uomo non c #8217;è più, è morto.
Le rubriche sono così, stratificazioni di aziende #8211; colleghi, fornitori, clienti, vediamo-se-quest #8217;anno-riusciamo-a-firmare-il-contratto #8211; e parenti e amici, e amici degli amici lungo i sei gradi di separazione che ti dividono da chiunque, gente che non senti più da due o tre vite fa, che chissà quanti numeri ha cambiato nel frattempo ma intanto il nome tienilo lì che può sempre servire, così, per anni e anni da un backup all #8217;altro, Spoon River portatile in 3G #8211; e il tuo nome fa la stessa fine in cento altri telefoni, e questo chi cazzo era, il nome mi dice qualcosa, chissà se è ancora vivo, cosa fa, dove sta.
Comments (0)
26/6/2013
Il prossimo viaggio
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 3:51 pm
Ogni tanto penso che sarei stato un buon romano, o buon fiorentino, o un buon shanghaiese. Penso che se mi fosse toccato in sorte viverci mi ci sarei trovato bene #8211; ci sarebbero state cose che non avrei sopportato e mille altre invece che mi sarebbero piaciute. Mi adatto, mi adatto facilmente, mi adatto in fretta. Forse sono solo di bocca buona, quando salgo su un treno ho sempre il Kindle con me, inizio a leggere e non siamo ancora usciti dalla stazione che stacco gli occhi dallo schermo e li piazzo fuori, e mi piace tutto, guardo tutto come un bambino di cinque anni, mi piace guardare la pioggia, se il cielo è grigio rimango affascinato dall #8217;uniformità, e se è azzurro dal contrasto dei colori, mi piacciono i palazzi che danno sui binari, mi piace la pianura nella quale sono nato, mi piacciono i fiumi, mi piacciono i capannoni industriali, mi piacciono gli sfasciacarrozze, le macchine ferme nei campi, le rotoballe, i ponti #8211; e lo stesso succede quando sono in una città, mi piace vedere downtown e i palazzi signorili, mi piacciono le corti, mi piace vedere le periferie (e finire in posti conosciuti solo per lo spaccio di eroina e i vagoni blindati che andavano verso i campi di sterminio), mi piace vedere le luci, le vetrate, le insegne luminose e mi piacciono i marciapiedi sconnessi, i ponti traballanti, i gasometri, le cascine in rovina. Mi è piaciuto morire di umidità a Orlando, sono rimasto a guardare la notte nella stazione della Schnellbahn di Ruesselsheim dove non c #8217;è altro se non la gigantesca sede e fabbrica della Opel e mi è piaciuto pure quello, lo ricordo bene ed è un ricordo piacevole. A volte mi chiedo cos #8217;ho che non va, poi penso al prossimo viaggio.
Comments (0)
22/6/2013
On being Shane Battier
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 4:14 pm
E #8217; solo quando sei immensamente bravo nel tuo lavoro, in quello che fai, è solo quando lo possiedi fino al suo nucleo, all #8217;atomo più profondo e nascosto, è solo in quel momento e in quelle condizioni che quando ti chiedono come diavolo hai fatto a giocare male per settimane, a essere messo da parte e poi, nel momento più difficile, quando la pressione che c #8217;è intorno schiaccerebbe chiunque tranne te e quei pochissimi fatti del tuo stesso materiale, togliendogli il sonno, l #8217;appetito, il fiato e la lucidità, e poi entrare in campo, giocare la partita decisiva e fare ciò che sai e farlo al meglio, con la precisione chirurgica di chi sa, tu puoi rispondere #8220;it #8217;s better be timely than good #8221;.
Comments (0)
17/6/2013
Just a day off
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 3:04 pm
Forse i giorni di ferie migliori sono questi, quelli imprevisti e non istituzionali. Quelli dove affronti gli scatoloni di tanti traslochi di ufficio, e ti trovi immerso in vecchie agende e biglietti da visita e nomi che solo in parte sono sopravvissuti al tempo. Quelli nei quali ti impolveri fino al midollo, e rifai scatoloni da portare in discarica. Quelli che ormai sono a cinque minuti, vado a mangiare al laghetto dei pescatori #8211; e non trovi solo i pensionati con la pelle arrossata dal primo sole vero della stagione, ci sono i camionisti, e gli operai della zona, perché vuoi mettere mangiare stando all #8217;ombra e guardando l #8217;acqua azzurra della cava. Quelli che vedi il grano, le balle di fieno, e l #8217;erba ancora verde di tutta la zona agricola che circonda la città. Quelli che se non ricordo male qui c #8217;è la stradina che passa tra i campi e arriva a Gaggiano, giù i finestrini e quando arrivano quei tre secondi infiniti di #8220;down in Jun-gle-land #8221; portare il volume al massimo e tenere il tempo con la mano. Quelli che le puttane con l #8217;ombrellino giallo, e il Naviglio Grande scorre sotto i ponti dai quali i ragazzi si tuffano in estate per farsi vedere da quelle con le quali ci stanno provando. Quelli che al resto ci pensiamo domani.
Comments (0)
14/6/2013
Ciao, disturbo?
Filed under:
Left Wing #8212; Sir Squonk @ 11:16 am
Se soffrite anche voi di quella malattia che vi porta a seguire la politica di questo scombinato paese, potrebbe esservi capitato di leggere negli ultimi giorni dell #8217;arrivo di una nuova rivista, o meglio della nascita della sua versione cartacea. La rivista si chiama Left Wing, se non la conoscete dovreste conoscerla, qui il Direttore spiega come e perché, e qui trovate l #8217;indice del numero che tra non molto arriverà in libreria (qui, se avete trenta euro da investire, potete persino abbonarvi): quando arrivate a Cara Left Wing sappiate che si tratta di una letterina al Direttore scritta dal sottoscritto, in prosecuzione del suo tentativo di trasformare un consesso di menti pensanti nella redazione di Cioè.
PS #8211; Il titolo del post l #8217;ho preso da Marta, che spiega meglio di Europa e dell #8217;HuffPost cosa sia Left Wing. Ciao, disturbo? è l #8217;attacco tipico delle chat o delle telefonate del Direttore, ed è uno dei motivi per cui non riusciamo mai a dirgli di no (e perchè mai, poi).
Comments (0)
11/6/2013
Il corso degli eventi
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 10:06 am
Sono anni che lavoro in posti dove non viene richiesto un abbigliamento particolarmente formale. Non ho bisogno di andare in ufficio, quando ci vado, in abito e cravatta. Ci pensavo poco fa, che in questi anni quei piccoli gesti #8211; prendere una cravatta, chiudere l #8217;ultimo bottone del collo della camicia, fare il nodo, stringerlo nel modo migliore possibile evitando pieghe e cedimenti durante il giorno #8211; sono diventati un modo per affrontare la giornata in arrivo, per convincermi che il corso degli eventi possa essere influenzato da quel pezzo di tela, per realizzare il sogno proibito che l #8217;abito possa veramente fare il monaco. A volte vorrei chiederlo a qualcuna tra le mie colleghe, non a quelle che ogni giorno sono belle e perfette, ma a quelle che di solito sono vestite #8220;normali #8221;, se quel vestito bello che oggi indossano, quella scarpa con il tacco giusto, quel trucco non affrettato che hanno oggi siano il loro modo di farsi coraggio per la riunione delle undici, per il debrief da passare alle operations, per passare non dico senza danni ma persino con soddisfazione le dodici ore tra l #8217;uscita e il ritorno a casa. Qualche giorno fa ascoltavo Alessandro Del Piero rispondere alle domande di Federico Buffa, e dirgli che sì, è vero, che quando indossi quella maglia ti senti più forte e sei più forte: tutto sta a crederci, ed è quella la cosa che costa fatica, e impegno, e costanza, e dedizione, e una certa forma di infantile incoscienza che non vuoi ammettere nemmeno a te stesso.
Comments (0)
7/6/2013
In your eyes
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 2:34 pm
La donna si aggiusta uno degli auricolari. Ascolta un vecchio disco americano, chitarre e polvere e storie d #8217;amore finite male come in un racconto di Carver. Guarda fisso davanti a sè, tenendo alle spalle l #8217;acqua e la lunga passeggiata delle coppie e dei pensionati. E #8217; un posto che conosce bene, è casa sua: i palazzi di quel rosso che non si trova da nessun #8217;altra parte, l #8217;accento dei passanti, il vento che sale quando finisce il pomeriggio, i bambini su una giostra. Guarda come se cercasse qualcosa, e come se non riuscisse a trovarlo. Il movimento rotatorio della giostra la avvolge, i suoni si attutiscono fino a quando si scuote per un brivido di freddo che le sale dalle All Star viola fino alle spalle. La donna si sfila le cuffie, prende il telefono dalla tasca dei jeans, cerca un numero e chiama. Pronto, ciao, sai dove sono, sì proprio lì, hai cinque minuti, allora adesso ti dico cosa vedo.
Comments (1)
6/6/2013
Un #8217;ombra ben presto sarò
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 2:19 pm
Pronto, Pronto, Ti disturbo, No, ma cosa c #8217;è, Niente, Come niente, non mi chiameresti se non ci fosse qualcosa, Non ti posso nascondere nulla, Ti conosco troppo bene, Già, Allora cosa c #8217;è, Un #8217;ombra, Non ho capito, Un #8217;ombra, Un #8217;ombra, Sì, E dove, Sul muro, Non è così strano, No, ma è bella, Immagino, almeno giustificherebbe la telefonata, Fuori c #8217;è il sole basso dopo il temporale, hai presente, Sì, C #8217;è quella luce, bassa, di taglio, pare fatta apposta, Cos #8217;è che fa ombra, Fiori, Che fiori, Come faccio a saperlo, sono un uomo, Già, E niente, la sto guardando da un po #8217; e continua a cambiare, si muove piano, E #8217; il tramonto, Sì, Dimmi cos #8217;hai, Niente, Ti sento male adesso, Sono qui, Parla più forte, Sono qui, Sei sparito, ti richiamo, Sono qui, Pronto, pronto, pronto.
Comments (0)
5/6/2013
Stories of the Bund #8211; Le massaggiatrici di Shanghai
Filed under:
Stories of the Bund #8212; Sir Squonk @ 1:47 pm
Il Direttore sta smaltendo gli arretrati. Oggi su Leftwing si parla di sesso a pagamento, come si confà all #8217;italiano moderno.
Comments (0)
4/6/2013
You make me wanna shout
Filed under:
Snapshot #8212; Sir Squonk @ 11:39 am
In una delle Palladium Lessons Alessandro Baricco dice, a proposito di Proust, che gli capita spesso di leggere sue cose, pensare #8220;ma è vero? ha ragione? #8221;, rispondere #8220;certo che no #8221; eppure decidere di crederci lo stesso per il solo e ottimo motivo della bellezza perfetta con cui quelle cose sono scritte. Ci pensavo ieri sera, quando dopo duecento minuti Bruce Springsteen ci ha detto #8220;ho suonato in tanti posti, ma questo #8211; San Siro #8211; è uno di quelli speciali, che sta qui #8221;, e ha appoggiato il pugno sul cuore. Perché lo so, lo sappiamo tutti che uno spettacolo come quello, nella sua perfezione fatta di centinaia di dettagli che si incastrano come meccanismi di un orologio #8211; i tempi, i cambi delle chitarre, le corse sotto il palco, la scelta dei cartelli dei fan, la bambina che canta a cappella, le ragazze invitate a ballare sul palco, gli #8220;I love Milano #8221;, le luci, le docce con la spugna e tutto, tutto il resto #8211; non è il frutto della discesa in terra dello Spirito Santo degli artisti ma di un lavoro enorme e maniacale: puoi improvvisare soltanto quando conosci tutto talmente bene da arrivare a tanto così dalla nausea che l #8217;improvvisazione non è più tale ma è quel che deve essere, una variazione sul tema. Ci interessa tutto questo? No. Sappiamo che è così, ma non ci importa, nel momento in cui lo dice noi crediamo che lui ci ama uno per uno, che Milano è un posto speciale tra i centomila dove ha suonato, che è tutto semplice e naturale come prendere una chitarra in mano e suonare quattro accordi, lo crediamo e glielo vorremmo gridare come gli gridiamo grazie, grazie per essere qui, grazie per le cose che ci dici, è così bello credere alle tue bugie per poterle raccontare, per poterle gridare a tutti quelli che stasera non erano qui.
Comments (0)

Updated Time

Updating   
Friend links: ProxyFire    More...
Site Map 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 110 120 130 140 150 160 170 180 190 200 250 300 350 400 450 500 550 600 610 620 630 640 650 660 670 680 690 700 710 720 730 740 750
TOS | Contact us
© 2009 MyIP.cn Dev by MYIP Elapsed:25.616ms